Skip links

07/12/2018

Magic Leap, un tuffo in un universo fantastico

di Giorgia Laudati


“Free your mind” è lo slogan con cui si presenta al mondo Magic Leap, l’innovativa startup digitale che promette di rivoluzionare il nostro modo di relazionarci all’ambiente circostante. Ma in cosa consiste questa rivoluzione da accogliere a mente aperta?

Fondata nel 2010 da Rony Abovitz, che ne è anche l’attuale CEO, Magic Leap è stata in grado di attirare l’attenzione di importanti finanziatori, come Google e Alibaba, arrivando nel 2018 a presentare un prodotto finito sul mercato statunitense. La tecnologia sviluppata da questa startup è quella dello spatial computing (o mixed reality) che permette di unire mondo reale e mondo virtuale così da reinterpretare lo spazio circostante. Parente delle meglio conosciute e già diffuse AR (realtà aumentata) e VR (realtà virtuale), lo spatial computing ne rappresenta la successiva evoluzione. Infatti, la realtà virtuale ha consentito di essere trasportati in una realtà fittizia tramite l’uso di visori, che però occludono la vista dell’ambiente circostante, mentre la realtà aumentata ha usato gli schermi per sovraimporre contenuti digitali allo spazio reale mantenendo però una netta distinzione tra i due (quest’ultima tecnologia è stata resa popolare dal videogioco Pokémon GO). La tecnologia sviluppata da Magic Leap, invece, consente di fondere perfettamente ambiente reale e virtuale facendo in modo che questi interagiscano – tra di loro e con l’utente – in maniera  naturale. Vale a dire, ad esempio, che se di fronte a noi ci fosse un oggetto virtuale, grazie agli strumenti sviluppati da Magic Leap noi potremmo prenderlo in mano, guardarlo da diverse angolazioni e appoggiarlo sulla nostra mensola, tutte interazioni che richiamano quelle che siamo soliti avere con oggetti reali.

Il livello d’interazione possibile tra persone e tecnologia raggiunge così nuove vette, che sono descritte sul sito di Magic Leap come esperienze “incredibilmente credibili”, tanto da annunciare l’avvento di un nuovo universo ricco di possibilità creative: il Magicverse. Ed è per esplorare queste infinite possibilità che Magic Leap si apre all’esterno, pubblicando un bando per creatori e futuri innovatori, e avvia una partnership con l’University of Miami per investire sulle giovani menti. Per sviluppare il suo Magicverse, infatti, Rony Abovitz decide di investire sull’universo dei giovani e delle università perché li ritiene una concentrazione unica di libertà di pensiero, di capacità di sognare in grande, di voglia di sperimentare e di vicinanza tra persone con interessi e specializzazioni molto diversi tra loro.

Così i giovani, attori non solo del futuro ma anche del presente, sono chiamati a riflettere sulle potenzialità di questo strumento e sulle sue possibili applicazioni in campi diversi. Dalla chirurgia al teatro, dall’architettura alle scienze marine, Magic Leap sta quindi esplorando una grande varietà di ambiti di applicazione, tra cui anche l’arte. Non a caso, lo Smithsonian Institution, uno dei maggiori protagonisti del settore culturale a livello mondiale, ha già mostrato interesse verso quest’innovativa tecnologia.

E anche l’interesse del pubblico dovrebbe rimanere alto poiché, se lo sviluppo di Magic Leap proseguirà ai ritmi attuali e nella direzione auspicata dal suo fondatore, il nostro modo di fare esperienza del mondo potrebbe cambiare radicalmente nei prossimi anni assieme al futuro dell’apprendimento.

 

Fonti:
https://www.magicleap.com/
https://medium.com/@victoragulhon/what-is-spatial-computing-777fae84a499

Reader Interactions

0 Progetti
[addtoany]
Trovare lavoro attraverso idee e senza Curriculum? È possibile grazie a JustKnock!
Marianna Poletti racconta a Culturit la sfida di Justknock, piattaforma che rivoluziona le modalità di assunzione lavorativa
INTERMUSIC – L’innovazione tecnologica incontra meravigliosamente la musica
Svegliati amor
Il primo social movie di Roma
Sei un universitario?
Inizia a fare pratica su progetti reali
Sei un professionista?
Contribuisci ai nostri progetti ed eventi
Sei una realtà culturale?
Contattaci per scoprire cosa Culturit può fare per te

Rimani aggiornato

Iscriviti alla newsletter