Alternativ@ Digitale: come il settore culturale si è reinventato durante il lockdown

Domenica 3 maggio 2020 si è svolta la seconda giornata di formazione condivisa dalle locali Culturit di Milano (Bocconi, Cattolica e IULM) intitolata «Alternativ@ Digitale: come il settore culturale si è reinventato durante il lockdown». La formazione ha visto la partecipazione di oltre 50 persone, fra cui i relatori Giuliano Gaia, docente di Comunicazione Digitale per le Art allo IULM, e Tommaso Casini, esperto di critica d’arte e docente allo stesso IULM.

In virtù delle circostanze imposte dall’emergenza sanitaria, l’evento si è svolto in formato webinar, tramite la piattaforma Google Meet, e ha trattato dell’adattamento del settore culturale alle condizioni straordinarie derivate dal lockdown, con un focus sulle industrie culturali italiane, distinte per tipologia.

Tra i temi trattati durante il webinar ritroviamo:

– La reazione al lockdown a livello di politiche culturali nazionali, in particolare da parte di Francia, Spagna e Italia

– La situazione del settore teatrale e delle arti performative

– Le soluzioni alternative offerte dal settore musicale

– Le nuove formule proposte in campo editoriale

– Gli innovativi strumenti di comunicazione messi in campo dalle gallerie d’arte

L’evento di formazione ha costituito un’occasione preziosa per riflettere in modo critico sul particolare momento storico che il settore culturale, così come l’intero sistema-Italia, sta affrontando, con uno sguardo al futuro e alle ispirazioni da trarre da questo periodo.

Registrazione dell’incontro sul canale YouTube:

Back to top of page