Budget & Riposizionamento strategico

Da quale locale è stata tenuta la formazione?

Locale di Venezia e locale di Padova

Quando?

Le due formazioni si sono tenute rispettivamente nelle date: 16 febbraio e 23 febbraio 2021. L’attività è stata svolta in modo virtuale, tramite l’ausilio della piattaforma online Google Meet.

Chi sono le/i protagoniste/i?

  1. Elisa Botton, Marketing e Comunication Manager presso Kalaway s.p.a.
  2. Martina Fraioli, Analyst presso IDEA Consult
  3. Mattia Francese, Business Strategy Analyst presso Accenture
  4. Lorenzo Cini, coordinatore Area di amministrazione, risorse umane e attività istituzionali presso Fondazione Innovazione Urbana
  5. Luca Pietro Ungaro, fondatore e attuale presidente di Culturit, Project Manager presso Treccani

Descrizione dell’evento

Budget

L’evento è stato aperto da Lorenzo Cini, che ha introdotto l’argomento dando delle nozioni generali riguardo alla creazione di un budget: bisogna innanzitutto fare una “lista della spesa”, elencando tutte le attività. Ad ogni attività bisogna poi assegnare un costo che si basa sui preventivi dei fornitori o sul costo medio sul mercato. A seguito della lista della spesa, bisogna valutare quanti soldi ci sono a disposizione da spendere: questa è la fase di valutazione delle entrate. Le entrate sono date dalle vendite, ma anche da sponsorizzazioni, contributi o programmi di fundraising/crowdfunding. Il budget viene utilizzato poi sia come strumento previsionale, ma anche come strumento di controllo e di rendicontazione. 

Successivamente ogni Alumnus ha portato la sua esperienza, illustrando come l’uso del budget sia fondamentale nel loro lavoro e anche come varia a seconda dell’azienda in cui si usa. In particolare abbiamo visto come può essere sviluppato un budget per uno startupper come Lorenzo, che lo usa per realizzare eventi o progetti annuali. Invece, per Luca il budget è un’attività flow da calibrare nel corso di un ciclo pluriennale. Martina e Mattia invece ci hanno mostrato com’è il budget per un’agenzia di consulenza: un budget per i progetti di consulenza per esempio deve prendere in considerazione per ogni progetto i ricavi, i costi e le risorse necessarie, che rientrano tra i costi. Da considerare sempre anche un margine target, che è un budget extra che deve essere incluso per eventuali costi non prevedibili. A volte può essere realizzato con un approccio bottom-up (si crea il budget in base alle necessità di lavoro), mentre spesso nelle loro aziende si usa un approccio top-down (es. ho un budget di 2000 euro che devo rispettare nella distribuzione delle spese). Quest’ultimo è conosciuto molto bene anche da Elisa, che ci ha mostrato come applicarlo al marketing e più nel dettaglio nel processo di posizionamento di un brand.  Infatti, il budget è diverso a seconda del business di riferimento: se presente una domanda consapevole con un prodotto facile da vendere sul mercato (Nutella) ci saranno esigenze diverse rispetto a un brand con domanda latente che richiede invece una spesa iniziale superiore e di investimento per le vendite future. 

Riposizionamento strategico

Il posizionamento strategico è stato alla base anche di una seconda parte di formazione tenuta da Elisa e Mattia il 23 febbraio 2021. 

In questa sessione, abbiamo avuto la possibilità di approfondire questo tema, partendo da due fasi fondamentali: una prima fase di definizione del prodotto e degli attributi della classe di prodotto e una seconda fase di marketing strategico. 

Durante la formazione abbiamo avuto modo di fare pratica su diversi framework, quali: il Value Proposition Canvas, la SWOT analisi, il Marketing Mix e il rapporto tra brand awareness e consapevolezza della domanda.

Finalità perseguite

Grazie a queste due sessioni di formazione le locali si sono arricchite di competenze manageriali da sfruttare e mettere in pratica nei prossimi progetti ed eventi che saranno realizzati. In particolare, c’è stato modo di condividere con gli Alumni delle fasi di un progetto in corso della locale di Venezia, che riguardavano la struttura di un budget. Gli Alumni sono stati disponibili dopo le formazioni ad aiutare la locale a strutturare al meglio la loro proposta. 

Back to top of page