CU #3 – Venezia, 11/2017: L’Intervento del Privato nel Settore Culturale

Il tema che sarà esplorato durante la prossima Culturit University, evento di formazione arrivato alla terza edizione, riguarderà L’intervento del privato nel settore culturale. Durante il week end verranno approfondite le diverse sfaccettature del rapporto tra il settore privato e la cultura, grazie ad un panel di interventi che presenteranno esperienze ed esempi concreti.


Le ragioni e le modalità attraverso le quali il settore privato affianca quello pubblico nella tutela e nello sviluppo della cultura sono molteplici.
Per quale motivo le aziende di altri settori decidono di investire nella cultura?
Come contribuiscono gli individui privati?
Come reagiscono gli istituti culturali per gestire al meglio gli investimenti delle
aziende?
Come si gestisce al meglio un progetto di collaborazione tra istituto culturale e
finanziatore privato?


Per rispondere a queste ed altre domande, diversi speaker metteranno a nostra disposizione la loro esperienza sul campo e il loro pensiero.
Tra gli altri, Paolo Petrocelli (Presidente Comitato Giovani UNESCO ) e Chiara Isadora Artico (indagine sui culture-based products, coordinatrice progetto “Percorso del profumo” nato dalla collaborazione tra MUVe e MAVIVE ) ci racconteranno come i musei beneficiano degli investimenti privati e di come possa essere declinata la cultura nel XXI secolo.
Il nostro obiettivo è quello di creare un caleidoscopio di prospettive, in modo da indagare nel modo più completo possibile un tema ampio. Giovanna Ciriotto, dottore commercialista, ad esempio approfondirà il tema delle agevolazioni fiscali per l’investimento nella cultura, il decreto Art Bonus e il caso molto particolare dei Comitati Privati Internazionali per la salvaguardia di Venezia.


Perchè Venezia? La città di Venezia offre molti e stimolanti spunti di riflessione sul tema che abbiamo deciso di approfondire, l’interesse per la sua tutela arriva oltreoceano e si radica nelle corde più emotive degli individui. Inoltre, il valore del suo settore turistico è strettamente legato alla buona salute di quello culturale, spesso dunque realtà differenti si trovano a collaborare per un obiettivo comune.


La Culturit University
L’obiettivo della Culturit University è arricchire le ottime conoscenze accademiche dei nostri membri, con soft skills e competenze trasversali, chiavi del successo nel mondo del lavoro.
Per questo offriamo ai nostri membri una formazione continua in diversi settori, tra i quali comunicazione, management e nuove tecnologie.
Durante gli eventi esclusivi della Culturit University grandi professionisti e esperti
intervengono ed interagiscono con i membri, trasmettendo competenze professionali e

raccontando le loro esperienze. Non solo: lo scambio reciproco tra i membri è un ingrediente fondamentale della nostra formazione, orientata anche a sviluppare capacità di lavoro di gruppo, leadership e ascolto attivo.
In questo modo puntiamo a facilitare la transizione dal mondo accademico a quello lavorativo, dando ai membri di Culturit gli strumenti necessari a portare dinamismo e innovazione all’interno del settore culturale.

Back to top of page