page-header

Funding Verdi

Descrizione

Francesco di Cesare, proprietario dell’azienda 2309 Fundraising &amp. Co, nell’aprile del 2018 ha commissionato a Culturit Venezia il progetto di ricerca di possibili sponsor che potessero finanziare il Festival Verdi del Teatro Regio di Parma. Il Festival Verdi rappresenta il fulcro dell’azione programmatica della Fondazione Teatro Regio (4 settimane di programmazione tra fine settembre e fine ottobre), sul quale si concentra il massimo sforzo produttivo e la maggiore esposizione mediatica. Il Festival inaugurò nel 2001, centenario della morte di Giuseppe Verdi, e da allora straordinari interpreti, giovani talenti e indiscussi maestri si sono susseguiti portando al successo opere acclamate presso la stampa specializzata e il pubblico. Il Festival, forte dei sorprendenti risultati ottenuti nelle precedenti edizioni, aveva come obiettivo quello di connotarsi sempre più come evento internazionale, consolidando i successi ottenuti e guardando al futuro.                                                                     

Il compito di Culturit Venezia, affidatogli da di Cesare a nome del Teatro Regio, è stato quello di riuscire a individuare categorie, aziende ed eventuali sponsor che potessero sostenere e finanziare i progetti del Festival. Obiettivo secondario: tracciare un database contenente le categorie e le aziende selezionate e contattate, che potesse servire da lì in poi al Teatro Regio come base dalla quale partire per reperire futuri sponsor. Il teatro aveva già nel Comune di Parma e in altre istituzioni dei partner affidabili, non tanto economici quanto relazionali ed operativi, e poteva contare su un gruppo di sponsor molto qualificati, dalla Fondazione CariParma e Credit Agricol (che oggi è proprietario di CariParma) a Chiesi Farmaceutica, da Barilla a IREN, fino ad altri marchi tra i quali brand di prestigio come Mutti o Smeg. Il festival da anni, inoltre, aveva Mediaset come media partner, il che contribuiva, tra le altre cose, ad una visibilità promozionale anche televisiva.

Il lavoro di Culturit si è focalizzato nell’inquadrare la proposta del teatro, la sua offerta culturale e il tipo di valore che questa avrebbe potuto avere per le aziende alle quali proporsi. Era inoltre necessario individuare alcune categorie merceologiche che si dimostrassero chiaramente in target con quanto sarebbe stato proposto. Le categorie sono state selezionate analizzando competitors e complementors principalmente nazionali; questo tralasciando le categorie già coperte dagli attuali sponsor del Teatro e quelle del territorio di Parma, già contattate dall’Ente stesso. Le aziende sono state selezionate partendo da quelle che già sono sponsor dei complementors, sapendo quindi che sarebbero state potenzialmente interessate. La ricerca si è poi spostata verso l’analisi di altre aziende, ipotizzando una loro partecipazione a partire dalla mission aziendale e facendo leva sul valore culturale dell’Ente. Il risultato finale è stato più che positivo: è stata ottenuta risposta di effettivo interesse da Ferrarelle e la maggior parte delle aziende che non si sono rese disponibili sul momento, ha motivato il rifiuto per problemi di logistica o finanziari circoscritti a quel dato periodo. Sono quindi entrate a far parte del database del Teatro, da prendere poi in considerazione per la ricerca di fondi per la futura organizzazione del programma del 2020. Il team di Culturit Venezia si è distinto per il suo lavoro, ricevendo responsi ampiamente postivi da parte di di Cesare e 2309.

Membri della Squadra del Progetto

Project Manager: Giulia Vitali
Membri: Vera Garbizza

Durata del Progetto

Aprile 2018 – Giugno 2018

Back to top of page