Rapporto tra arte e impresa

In data 19 aprile 2020 si è tenuta la formazione online di Culturit Venezia, la quale ha indagato sul rapporto esistente tra arte e impresa e soprattutto sulla figura del curatore in tale rapporto. La relatrice coinvolta per questa occasione è stata Martina Cavallarin, critica d’arte, saggista e curatrice italiana.

Argomento principale dell’incontro è stato il rapporto proprio che si viene a creare tra artista, azienda e curatore. Le aziende hanno sempre più spesso cercato negli ultimi anni di utilizzare la creatività degli artisti stessi per creare progetti e prodotti originali.

In questo quadro, fino a poco tempo fa, le imprese si inserivano semplicemente come sponsor tecnici. Oggi, al contrario, prende sempre più piede l’idea che artisti e imprese debbano collaborare nella realizzazione di veri e propri progetti. A sostegno di questa tesi, sono stati presentati, durante la formazione, due importanti esempi: OPENDRAM e il Progetto Giovanardi. Questi progetti sono accomunati dal fatto che entrambi dimostrano come alcuni investimenti delle imprese per attività artistiche si siano rivelati essere proficui per le imprese stesse, oltre ovviamente che per gli artisti.

Il messaggio che traspare dall’intera formazione è un ritorno all’azione per le imprese, che possa portare alla creazione di un circuito di gallerie capace di dare più credibilità agli allestimenti e alle opere d’arte, anche e soprattutto da un punto di vista economico. L’impresa è cultura così come la cultura può funzionare come un’impresa.

Registrazione dell’incontro sul canale YouTube:

Back to top of page